ATEX e macchine – Cosa va marcato e cosa no

2023/03/27

Una macchina che lavora con gas o polveri combustibili deve essere marcata ATEX?

…dipende.

 

L’articolo 1 della direttiva 2014/34/UE definisce che essa si applica a:

  1. a) apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva;
  2. b) dispositivi di sicurezza, di controllo e di regolazione destinati a essere utilizzati al di fuori di atmosfere potenzialmente esplosive ma necessari o utili per il funzionamento sicuro degli apparecchi e sistemi di protezione, rispetto ai rischi di esplosione;
  3. c) componenti destinati ad essere inseriti negli apparecchi e sistemi di protezione di cui alla lettera a).

 

Questo implica che le macchine che entrano fisicamente all’interno di un’atmosfera classificata ai sensi della direttiva 99/92/CE (zone 0, 1, 2, 20, 21, 22) devono essere marcate ATEX in conformità alla direttiva (art. 1 comma a)).

Anche le macchine che non entrano in zone classificate ma che per loro concezione costituiscono delle sorgenti di emissione, che quindi classificano la zona nella quale sono installate, devono essere marcate ATEX.

 

Macchine non-ATEX

Queste ultime rappresentano una grande quantità di casi presenti sul mercato. Si pensi a dosatori di aromi a base alcolica nell’industria alimentare, dispenser di vernici e/o solventi infiammabili, dosatori di polveri combustibili ecc…

Queste macchine possono avere fuoriuscite di liquidi, vapori o polveri in grado di formare atmosfere potenzialmente esplosive. Quando si rende necessario evitare il processo di conformità ATEX per tali macchine è possibile intervenire con sistemi di prevenzione delle esplosioni come ventilazione, diluizione, confinamento delle atmosfere in modo tale da ridurre la probabilità di formazione di ATEX a valori trascurabili.

Queste funzioni della macchina rappresentano funzioni di sicurezza nei confronti del requisito 1.5.7 della direttiva 2006/42/CE e come tali devo presentare l’adeguato livello di affidabilità in termini di functional saftey. Tuttavia queste funzioni vengono contemplate dall’articolo 1 – comma b) della direttiva 2014/34/UE.

Quindi le macchine non-ATEX che presentano delle funzioni di sicurezza nei confronti del rischio esplosivo devono essere funzioni ATEX, composte in tutta la catena logica (input-logica-output) da componenti marcati ATEX. Questi componenti, non essendo inseriti in una zona classificata, possono essere del gruppo meno impattante economicamente (ovvero II 3GD); devono però rispettare i requisiti di affidabilità richiesti (PL o SIL).

 

Marcatura ATEX della parte interna ed esterna di una macchina.

La direttiva 2014/34/UE non richiede marcature delle zone interne. Questo perché solo le parti esterne possono entrare in contatto con atmosfere esplosive. Qualora una macchina potesse escludere la fuoriuscita di sostanze pericolose al suo interno, l’applicazione della direttiva ATEX non è richiesta. Eventualmente il costruttore può assegnare una classificazione interna per motivi di informazione nell’utilizzo (si pensi ad isolatori nei quali l’utente può inserire oggetti, sostanze ed apparecchi). La direttiva macchine in ogni caso contempla già il rischio esplosivo e richiede che le macchine immesse sul mercato siano conformi anche rispetto a questo aspetto.

Articoli consigliati

La Direttiva EMC

2023/11/28 Nel mondo industriale (e non) l’elettronica ricopre, da oltre mezzo secolo, un ruolo sempre più cruciale nella progettazione dei prodotti di uso quotidiano.  

Leggi di più